Mission 1

Tutti possono accedere a cibo sano e prodotto localmente, se impariamo ad usare il consumo collettivo in modo giusto. 


Tutti meritano l’accesso a cibo sano e locale ad un prezzo conveniente.

Per troppo tempo, ciò non è stato possibile per le comunità a basso reddito, con conseguente impatto disastroso sulla salute e sui costi sanitari correlati. I fornitori di cibi freschi e sostenibili tendono a concentrarsi in quartieri ad alto reddito, mentre i negozi e ristoranti localizzati nelle aree sia urbane che rurali definite come “deserti alimentari” per lo più offrono “calorie a buon mercato”: alta percentuale di grassi, ricchi di zuccheri, poveri di nutrienti, prodotti alimentari trasformati a basso costo.

Questo stesso sistema alimentare ha riscosso un pesante tributo sugli agricoltori e sui produttori di alimenti attraverso decenni di disinvestimento nei sistemi alimentari locali e regionali, minacciando la redditività economica delle piccole aziende a conduzione familiare e il tessuto culturale di intere comunità.

Quindi, come possiamo – sia come consumatori che come produttori- ricostruire da zero un economia locale sostenibile e recuperare il capacità di fornire cibo sano per le nostre famiglie?

 

AGGREGARE IL POTERE DI ACQUISTO COLLETTIVO

Come Will Byrne scritto su FastCo lo scorso anno, gli innovatori in tutti gli Stati Uniti stanno tentando di rispondere a questa domanda, utilizzando il potere di mercato delle comunità per produrre un cambiamento positivo nel nostro food system. I sostenitori del “Good Food” si stanno rendendo conto che, nell’insieme, è già in nostro possesso il potenziale per sostenere un sistema parallelo che soddisfa i bisogni e i valori della comunità dei consumatori e dei produttori.

Modelli basati su valori alternativi sono nati nel corso degli anni per affrontare alcune di queste sfide. Il modello dei CSA (community supported agriculture) “costringe” i consumatori a collaborare per ottenere l’accesso a cibo prodotto da fattorie estendendo il sostegno finanziario e mantenendo prezzi equi per gli agricoltori. Il commercio equo e solidale, nel frattempo, esemplifica un movimento sociale globale per sostenere e incentivare prezzi equi per produttori ed esportatori, migliori condizioni di lavoro per i braccianti, e migliori risultati ambientali a seguito della produzione di prodotti Fair Trade.

Questi esempi spesso lasciano le comunità a basso reddito escluse dall’accesso a cibo sane, e raramente si avvicinano per cambiare i sistemi e le infrastrutture che sono al centro dei sistemi alimentari. Ma nuovi gruppi di aziende che condividono stessi valori etici stanno trovando modi di organizzare il potere di acquisto collettivo di queste comunità e di servire loro attraverso piccole reti regionali.

Circa cinque anni fa, abbiamo lanciato un progetto regionale di distribuzione alimentare a Philadelphia denominato Common Market, nel tentativo di democratizzare l’accesso al cibo sano, migliorando la redditività dell’agricoltura sostenibile nella regione Mid-Atlantic.

Abbiamo iniziato facendoci una semplice domanda: cosa potremmo fare, come comunità formata da singole famiglie, per cambiare la qualità, affidabilità e accessibilità del cibo che entra nella nostra comunità?

La nostra risposta a questa domanda è stato quello di girare la domanda collettiva a piccole fattorie a conduzione familiare, che producono alimenti sani – ridando il potere nelle mani dei produttori e dei consumatori lasciato da parte il sistema alimentare globale.

 

food hubs

CO-CREARE LA FORZA DI UNA COMUNITA’

Vediamo aziende e organizzazioni in tutto il paese impiegare tre strategie, in particolare per aiutare le comunità a basso reddito per favorire il potere collettivo di acquisto di cibo locale e sostenibile:

• Coinvolgere le Istituzioni: istituzioni – ospedali, scuole e strutture di assistenza agli anziani – hanno un enorme potere di acquisto collettivo per le loro dimensioni e il numero di persone che servono, molti dei quali provengono da comunità svantaggiate. La maggior parte cercano di trovare i prodotti a basso costo per soddisfare le loro esigenze, e si approvvigionano dai grandi distributori. E mentre i grandi distributori offrono prezzi bassi, cibo a buon mercato ha un costo. Le grosse aziende che forniscono i loro prodotto alimentari hanno un pesante impatto sull’ambiente, così come il trasporto di cibo a buon mercato dai paesi di origine. Ma le istituzioni possono trovare prezzi comparabili per cibi locali disponibili attraverso centri di distribuzione formati dalle stesse aziende agricole locali. Distributori come   il Local Foof Hub a Charlottesville (VA), stanno aiutando le istituzioni a comprendere il potere del loro consumo collettivo, escludendo dal sistema alimentare tradizionale le popolazioni meno abbienti lungo tutta la catena del valore.

• Partenariati con i “Non-traditional Allies”: distributori di cibo locale riconoscono che i luoghi di lavoro e di culto sono “comunità” alternative che possono aiutare le persone a ottenere cibo di qualità non disponibile vicino alle loro case. Il programma Veggie Box Farm Fresh Rhode Island offre ai soci scatole di prodotti locali che possono essere ritirate sul posto di lavoro, a scuola o in chiesa.

• Condividi le Informazioni: A differenza del competitivo sistema alimentare tradizionale, i sostenitori del cibo locale condividono best practices e innovazioni per far avanzare il nostro obiettivo collettivo: rendere il cibo accessibile a più persone. Organizzazioni come la National Good Food Network condivide studi, presentazioni e avvisi di nuove opportunità per tutta la comunità nazionale sui sistemi alimentari locali. A livello locale, gruppi come regional food policy councils riuniscono stakeholders del settore pubblico, privato e del non profit per condividere le informazioni che vi possono aiutare tutti gli attori a migliorare le politiche legate al settore agro-alimentare.

Questi tre pilastri del potere collettivo nel sistema alimentare sono stati fondamentali per il successo del Common Market. Siamo specializzati nel servizio istituzionale, aggregando grandi volumi di prodotti e rifornendo ospedali e scuole più bisognose. Il nostro Delaware Valley Farm Share Program offre consegne bisettimanali di prodotti locali ai membri presso i loro uffici, le chiese e le scuole. E cerchiamo opportunità di partnership nella nostra regione e in tutto il paese per promuovere la produzione, la distribuzione e l’accesso cibo locale e sostenibile.

Distributori di cibi locali e food hubs come Common Market alimentano il potere di acquisto collettivo, e aiutano gli attori lungo tutta la catena del valore alimentare – dai contadini che coltivano ai consumatori che mangiano – a riconoscere il loro potenziale collettivo per costruire un sistema alimentare più equo e sano. Facciamo più che aggregare alimenti; aiutiamo le comunità ad aggregarsi e a sviluppare il loro potere economico.

Il consumo civico è in grado di supportare i valori condivisi che migliorano l’economia e la salute ambientale per la maggior parte delle comunità emarginate.


Using The Shared Power Of Consumers To Revolutionize Our Food System di Haile Johnston e Molly Riordan pubblicato su Fastcoexist il 11/12/2013. Traduzione a cura del team di Rural Hub.