Large 6240474743

Da tetti a lotti abbandonati, dai cortili delle scuole alle serre, nella città di Boston stanno nascendo fattorie ed orti urbani.


La città americane della costa orientale è un esempio di  come l’agricoltura urbana e il movimento per il cibo locale continua a crescere. Food Thank ha stilato una lista di dieci progetti innovativi di agricoltura urbana nella città.

1. Berkeley Community Garden è una comunità di 140 agricoltori in South End di Boston. L’orto si sviluppa alcune varietà di frutta, verdure ed erbe, tra cui melone amaro, coriandolo, fagioli lunghi cinesi, e broccoli. Oltre alla produzione di cibo, l’orto offre anche informazioni e risorse per giardinieri, ed è uno dei pochi orti comunitari a Boston aperti al pubblico.

2. Bloombrick Urban Agriculture è un’azienda agricola coperta situata nel cuore di Cambridge. Essi sono specializzati nella coltivazione e vendita di prodotti selezionati e coltivati attraverso sitemi idroponici e/o basso impatto sul terreno coltivabile, ma hanno anche una visione molto più ampia per il futuro. Bloombrick spera di divenire un modello per aiutare le città a divenire pienamente sostenibili, in cui il cibo sia prodotto localmente e dinamicamente rigenerative, a partire da Boston. Lo scopo è quello di dimostrare che la produzione casalinga e l’agricoltura urbana commerciale è pratica, fattibile, ed essenziale.

3. City Growers, con l’aiuto di partner della comunità locale, aiuta a recuperare e garantire terreni abbandonati in tutta la città di Boston per la coltivazione di alimenti. Trasformando i lotti liberi a Boston in «fattorie urbane intensive che sono economicamente e ambientalmente sostenibili», City Growers crea occupazione per i membri della comunità e supporta i problemi di sicurezza alimentare aumentando la capacità di produzione agricola locale, e gli aumenta l’accesso locale ai cibi salubri a prezzi accessibili.

4. CitySprouts offre un programma scolastico di giardinaggio scuola che è integrato nel percorso di studi nel sistema scolastico delle scuole pubbliche di Boston. CitySprouts è attualmente operativo in 12 scuole pubbliche a Cambridge. L’organizzazione fornisce anche il supporto tecnico e risorse per le scuole pubbliche in tutta Boston. Questi servizi sono disponibili attraverso tre diversi programmi: Classroom to Garden, che supporta gli insegnanti ad estendere le loro lezioni negli orti scolastici; Food Education attraverso la produzione negli orti scolastici, e CitySprouts Estate Programma Intern, che aiuta i giovani a connettere il sistema produttivo di cibo locale e l’ambiente naturale urbano.

5. The Food Progect utilizza l’agricoltura sostenibile per sensibilizzare i giovani in Massachusetts nel cambiamento sociale e personale. Dal 1991, il progetto ha supportato i giovani con esperienze di valore relative al sistema alimentare americano e l’accesso al cibo. Hanno fattorie in tutto Massachusetts orientale, tra cui diverse fattorie urbane a Boston. Il cibo prodotto nelle fattorie di Boston sostiene il mercato degli agricoltori di Dudley Town comuni e diverse organizzazioni umanitarie locali legate all’alimentazione.

6. Green City Growers fornisce servizi necessari per trasformare uno spazio inutilizzato in una fattoria urbana. Aiutano le persone di tutti i livelli con orti, trasformando cortili, tetti e terreni incolti in fiorenti, orti urbani biologici e fattorie.

7. Higher Ground Farm è la prima azienda sul tetto di Boston. Situato su uno spazio di 55.000 metri quadrati sulla parte superiore del Boston Design Center, Higher Ground Farm coltiva verdure, pomodori ed erbe che vengono venduti a molti ristoranti locali. A partire dal 2014, con l’obiettivo di aumentare l’accesso a cibo sano e fresco, e contribuire alla sostenibilità del sistema alimentare, l’azienda offrirà azioni per costituire un mercato CSA (community supported agriculture) e metterà in vendita i suoi prodotti nei mercati degli agricoltori locali.

8. ReVision Urban Farm è un progetto di agricoltura urbana basato sulla comunità. Victory Programs, un’organizzazione dedicata ad aiutare gli individui e le famiglie senza tetto, utilizza i campi per coltivare prodotti e fornire alimenti per i residenti della ReVision Family Home. Produrre è gratuito per i residenti e reso accessibile per gli altri membri della comunità. Inoltre, ReVision Urban Farm fornisce informazioni su una sana alimentazione e sull’agricoltura sostenibile, e offre formazione per i giovani e i senzatetto nella comunità che vogliono intraprendere la strada della produzione agricola. L’operato dell’azienda è guidato da quattro obiettivi principali: “small-scale, green, economic development; community food security and job training and education.”

9. The Urban Farming Institute of Boston ha come mission di contribuire alla salute delle persone e alla creazione di città sostenibili attraverso la promozione e la creazione di imprese agricole urbane autosufficienti e di occupazione nell’agricoltura. L’istituto aiuta la nascita di aziende agricole, fornendo formazione per gli agricoltori, promuovendo l’educazione pubblica e il cambiamento politico, portando le persone in quartieri urbani più vicini alla produzione alimentare.

10. Urban Hydr-“O”-Farmers è un gruppo di studenti delle scuole superiori iscritti al corso Hydroponics track of Boston College’s College Bound Program. Gli studenti coltivano alimenti in modo idroponico – senza terreno – in una piccola serra nel campus del Boston College, consentendo loro di coltivare tutto l’anno, e vendere i prodotti ai mercati contadini di Boston.


 

Nel nostro paese non mancano storie di agricoltura urbana (come Udine, TriesteRoma) ma ci piacerebbe che ci aiutasse a indicare progetti simili a quelli nati a Boston.

Noi del team di Rural Hub non possiamo che condividere con voi un progetto a noi molto caro dell’eco-merenda ideato dal dir. scolastico Maria de Biase nelle scuole di Scario e San Giovanni a Piro (Sa) dove i ragazzi delle elementari e delle medie hanno un menù settimanale molto speciale a base di verdure, di pane e olio e di frutta di stagione. La maggior parte dei prodotti consumati nelle mense scolastiche inoltre vengono prodotti negli orti scolastici che sono curati dai ragazzi e da tutta la comunità locale.