Agricoltura Biologica Organica

Il futuro è locale e biologico.

Beh, almeno potrebbe essere, se basiamo la nostra produzione di cibo su un numero crescente di studi che indicano gli effetti nocivi del petrolchimico e dell’agricoltura controllata.

Nel mese di giugno, i ricercatori dell’Università di Canterbury in Nuova Zelanda hanno concluso che la strategia di utilizzo di OGM in Nord America ha portato ad una riduzione della produzione di coltura principale e aumentare l’uso di pesticidi rispetto all’agricoltura biologica in Europa occidentale. Guidati dal professor Jack Heinemann, i risultati dello studio sono stati pubblicati sull’International Journal of Agricultural Sustainability.

Semi antichi

Lo studio rileva che l’Europa sta diminuendo l’uso di erbicidi chimici e si registra cali ancora più grandi nell’uso di insetticidi senza sacrificare i rendimenti, mentre l’uso di erbicidi chimici negli Stati Uniti è aumentato con sementi OGM.

In effetti, l’Europa ha imparato a coltivare più alimenti per ettaro e utilizzano meno sostanze chimiche nel processo. Le scelte degli Stati Uniti nel settore della biotecnologia stanno facendo perdere posizioni rispetto all’Europa in termini di produttività e sostenibilità. La diminuzione della variazione annuale dei rendimenti negli Stati Uniti suggerisce che l’Europa ha una combinazione superiore di sementi e di tecnologie nella gestione delle colture ed è più adatta a sopportare le variazioni climatiche. Questo è importante perché le variazioni annue causano speculazioni sui prezzi che possono portare centinaia di milioni di persone nella povertà alimentare.

Il rapporto mette in luce anche alcune gravi preoccupazioni circa l’impatto dell’agricoltura moderna, in termini di tendenza generale, verso l’impoverimento della diversità genetica e il conseguente rischio potenziale catastrofico per le colture alimentari di base.

Delle quasi 10.000 varietà di frumento in uso in Cina nel 1949, solo 1.000 sono sopravvissute nel 1970.

Negli Stati Uniti, il 95% delle varietà di cavolo, il 91% di granturco, il 94% di piselli e il 81% delle varietà di pomodoro coltivate nel secolo scorso sono andati perduti. Gli OGM e il controllo dei semi attraverso i brevetti hanno limitato la scelta degli agricoltori e ha impedito la conservazione delle sementi.

Questo ha esacerbato il problema.

La conclusione è che abbiamo bisogno di diverse pratiche per la coltivazione. Abbiamo anche bisogno di sistemi che siano efficienti e che non debbano essere biotecnologie acquistabili.

Wake up before it is too lateSulla scia del gruppo di ricerca di Heinemann arriva un report settembre 2013 dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD), in cui si afferma che l’agricoltura nei paesi ricchi e quelli poveri dovrebbe passare dalla monocoltura verso una maggiore varietà di colture, ridurre l’uso di fertilizzanti chimici, aumentare il sostegno per i piccoli agricoltori e concentrare gli investimenti nella produzione e nel consumo di cibo prodotto localmente. Più di 60 esperti internazionali hanno contribuito al report.

Il report, Wake up before it is too late: Make agriculture truly sustainable now for food security in a changing climate, afferma che i metodi di monocoltura agricola e industriale non stanno fornendo cibo sufficiente a prezzi accessibili dove è necessario, mentre provocano danni ambientali insostenibili. Il sistema attualmente produce povertà alimentare, non la affronta.

Negli ultimi anni, ci sono state numerose segnalazioni di alto livello provenienti dalle Nazioni Unite e dalle agenzie di sviluppo sostenibile a favore dei piccoli agricoltori e della produzioni locali, ma questo non e ‘stato tradotto in azioni concrete sul campo dove contadini soffrono l’emarginazione e i mancati investimenti da parte dei governi, come abbiamo visto in India. Secondo Vandana Shiva, il saccheggio delle dell’agricoltura indiana da Big Agra si traduce in un allontanamento forzato dei contadini dalla terra e la distruzione delle comunità locali, su una scala che non è stata mai riscontrata nel corso della storia.

Elizabeth Mpofu, coordinatrice generale dell’organizzazione La Vía Campesina sostiene che molto tempo prima del rilascio di questa nuova relazione, i piccoli agricoltori di tutto il mondo erano già convinti di aver bisogno di un’agricoltura diversificata per garantire una produzione alimentare locale equilibrata, per tutelare le condizioni di vita delle persone e rispettare la natura. Per raggiungere questo obiettivo, è fondamentale proteggere la grande varietà di sementi locali e consentire agli agricoltori di utilizzarli. I piccoli agricoltori stanno lottando per preservare i loro semi autoctoni e la conoscenza dei sistemi di allevamento.

La prova dell’inefficienza del sistema  alimentare industriale è che non solo non riesce a nutrire tutta la popolazione mondiale, ma è anche responsabile di alcuni delle più pressanti crisi sociali e ambientali del pianeta. Il sistema alimentare industriale è direttamente responsabile di circa la metà di tutte le emissioni globali di gas a effetto serra. Non possiamo risolvere la crisi climatica senza confrontarsi con il sistema alimentare industriale e le corporazioni dietro di esso.

Pat Mooney dell’ETC group aggiunge che la catena alimentare aziendale utilizza circa il 70-80% dei terreni coltivabili del mondo per produrre solo il 30-40% del cibo che mangiamo. Nel processo, i contadini, i produttori alimentari reali, vengono cacciati dalle loro terre e un danno ambientale è fatto. Questo chiaramente non è il modo per sfamare il mondo.

Agricoltura_tradizionale

Ci sono lezioni qui per l’India, come il settore biotech continua a spingere la sua seconda ‘rivoluzione verde’ – OGM. L’originale Rivoluzione verde in India è stata un fallimento, con i contadini indiani indebitati, costretti a pagare alti costi per le sementi e per i pesticidi, e con un conseguente impoverimento delle falde e un ambiente avvelenato.

Il Punjab (uno stato nel nord ovest dell’India) è stato la bandiera della Green Revolution, ma sta rapidamente diventando trasformata da una ciotola di cibo per un epicentro cancro e ora annaspa in una crisi agraria segnata dal malcontento, dai debiti, dalla scarsità d’acqua, da acqua contaminata e da terreni malati.

Come il nuovo rapporto delle Nazioni Unite indica, ciò che è necessario è un cambiamento dell’agricoltura controllata dal basso, verso sistemi organici più ricchi di biodiversità che pongono l’accento sulle economie locali e sulla sovranità alimentare.

La risposta è di tornare alle origini incoraggiando biodiversità, organicità, sistemi locali di coltura, che sono che in grado di nutrire il mondo e, a differenza di agricoltura chimica intensiva, sono sostenibili per il globo.

 

________

Di Colin Todhunter  “The Future is Local, the Future is Organicpubblicato su Global Research il 26 settembre 2013.